Leica SL: presa di contatto dal vivo e caratteristiche tecniche


Articolo scritto da Giorgio Guerrieri Filmmaker

La Leica SL é la prima  mirrorless della nota casa tedesca e presenta notevoli miglioramenti in ambito video, un grande passo avanti per la Leica.

CORPO MACCHINA


Qualità eccezionale, molto solido, realizzato in alluminio nero ad unico blocco, completamente tropicalizzato e dotato di sistema integrato per la pulizia sensore. I pulsanti sono disposti in maniera maniacale, davvero comodi come dimensione e disposizione sul corpo ma poco intuitivi, bisogna, col tempo, “prenderci un po’ la mano”.

I 4 pulsanti presenti accanto al display sono completamente programmabili così come il menu “Preferiti”, tramite il quale le impostazioni usate più spesso si possono settare con un solo click.
Le impostazioni del menu si regolano tramite il joypad presente sul retro.


Comodo il tastino del bilanciamento del bianco automatico presente nella parte anteriore e le due ghiere per il controllo di diaframmi e tempo di posa.


Presente anche un display superiore monocromatico per la visualizzazione delle impostazioni settate. Vicino ad esso, oltre al classico pulsante di scatto, il pulsante REC per l’avvio della registrazione video. Impugnatura davvero comoda e stabile.



L’estrazione della batteria ha un sistema di sicurezza, viene via applicando una pressione su di essa dopo aver ruotato la levetta per l’estrazione.


INTERFACCE PRESENTI

USB 3.0 Micro Tipo B; HDMI Tipo A; Jack IN/OUT 3,5 mm, Cavo di scatto a connettore multiplo; Slitta ISO per accessori e flash; Presa X standard; Interfaccia multifunzionale nel fondello per doppia impugnatura. Filettatura ad ¼”. Peso 850gr (solo corpo).


È vero che è priva di specchio ma il mirino elettronico da 4.4 milioni di pixel (64fps di refresh) e correzione diottrica, il primo con la nuova tecnologia Leica EyeRes non ha nulla da invidiare alle fotocamere dotate di specchio. Basti pensare che si vede l’immagine finita prima ancora di premere il pulsante di scatto. Attivabile semplicemente avvicinandosi all’oculare si può visualizzare inoltre la funzione zebra per evitare sovraesposizioni, il Focus Peaking per la messa a fuoco e varie griglie e livella.


Passiamo ora al display retroilluminato LED (100% copertura), da 2,95” ed 1 milione di punti, touch screen, dotato di vetro protettivo antiriflesso ed antigraffio.


Presenti 2 modalità in Live View: foto e video. Soffermandomi in modalità video è possibile attivare le informazioni quali Istogramma, Zebra, Focus Peaking, Bolla, Griglia (3x3 o 6x4), Proporzioni (1,33:1; 1,66:1; 1,78:1; 1,85:1; 2,35:1; 2,4:1) ed area sicura (80-90-92,5-95 %). Disponibile anche la simulazione esposizione.

SENSORE - OS - SLOT SD

Tutta la luce catturata dal suo sensore CMOS a pieno formato 35mm da 24MP viene trasferita al processore Maestro II (2gb RAM), il quale consente la produzione di video in formato MP4 o MOV di qualità eccellente con le seguenti risoluzioni: 4K (4096 × 2160) a 24 fps; 4K (3840 × 2160) a 25 e 30 fps; 1080 a 24, 25, 30, 50, 60, 100 e 120 fps; 720 a 24, 25, 30, 50, 60, 100 e 120 fps. Il range ISO è 50 – 50000. Il bit rate è pari ad 8 bit in camera, oppure 10bit tramite uscita HDMI, collegando un recorder esterno. Campionamento colore 4:2:2/10bit tramite HDMI oppure 4:2:0/8bit on board su scheda SD. 


Ampia gamma dinamica grazie al V-LOG L selezionabile dalle impostazioni nel menu. Audio Manuale oppure automatico, presente un microfono stereo interno a 48kHz con eliminazione vento. Ingresso ed uscita audio con spinotto jack da 3,5mm. Lunghezza massima del filmato 29min, dimensioni massime 4GB a clip.

Il sistema operativo offre una navigazione molto intuitiva e di facile configurazione.
La memorizzazione avviene tramite 2 slot, SD 1 con massima velocità di scrittura a 100MB/S (con schede SD UHS II) SD 2 con massima velocità di scrittura a 30 MB/s (con schede UHS I).


MESSA A FUOCO

L’autofocus è velocissimo, a rilevamento di contrasto con 49 punti, 4 modi di fuoco in base al soggetto da riprendere (statico, dinamico o rilevamento del volto) con i modi AF-S, AF-C, Touch-AF (basta toccare il punto che si intende mettere a fuoco sul display). Si passa in MF ruotando la ghiera presente sull’obiettivo, nel nostro caso il Leica Vario-Elmarit-SL 24–90 mm f/2.8–4 ASPH.


ESPOSIZIONE

Quattro modi di esposizione, Programma P, Priorità di Tempo T, Priorità di diaframma A e Manuale M. 

Tre modi di misurazione dell’esposizione: Ponderata al centro, multizona e spot. Compensazione dell’esposizione ±3 EV a step di 1/3 o 1/2 . Presente anche il bracketing di 3/5/7 immagini per esposizioni multiple.

Cosa da non trascurare per chi possiede parchi ottiche di altre serie Leica: rimane la compatibilità degli obiettivi di sistemi Leica T, M con adattatore per T, S con adattatore per L, R con adattatore per L e Leica Cine con adattatore PL per L oltre chiaramente ai nuovi obiettivi della serie SL quali:
  • Leica Vario-Elmarit-SL 24–90 mm f/2.8–4 ASPH.
  • Leica APO-Vario-Elmarit-SL 90–280 mm f/2.8–4
  • Leica Summilux-SL 50 mm f/1.4 ASPH.
Di seguito due frame estratti dal 4k 4:2:0/8bit girato on board in Leica V-LOG L, il primo senza
correzioni mentre il secondo con la color correction applicata.



CONCLUSIONI

Concludendo possiamo dire che per l’azienda di Wetzlar è un grande passo avanti nel mondo del videomaking. La macchina si comporta veramente bene anche ad ISO elevati ed in situazioni critiche. A mettere un po’ di timore é il prezzo, 6.990€ solo per il corpo mentre con l’aggiunta di €4.300 è possibile portarsi a casa anche il nuovo Leica Vario-Elmarit-SL 24–90 mm f/2.8–4 ASPH.

Articolo scritto da Giorgio Guerrieri Filmmaker

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI:

Post più popolari

Corso di Fotografia Digitale online gratuito

Canon o Nikon? Nikon vs Canon - La migliore Reflex è...

I migliori manuali di fotografia per imparare la tecnica fotografica

Tutorial per Photoshop tecniche avanzate di Fotoritocco Professionale

Facebook concorso fotografico nazionale gratuito a premi, tema "la fotografia di viaggio", dall'1 al 30 novembre 2016