La mia prima foto venduta su un sito di Microstock, qualche consiglio utile


Se siete finiti su questo articolo sapete quasi sicuramente cosa è il fenomeno del Microstock, ovvero della vendita di fotografie online, se invece non avete idea di cosa sia vi rimando ai seguenti video:

Attualmente dispongo di un piccolo portfolio su Fotolia e il fatto di aver venduto qualche foto mi riempie di gioia, anche perché mi sono avvicinato a questo mondo con scetticismo, per la serie "Non ci credo ma ci spero", ed è quello che consiglio di fare a tutti, iniziate senza troppe aspettative ma col massimo impegno, può sembrare un paradosso ma è così.

Questo mondo è ormai saturo di immagini e di produttori di esse, ed il livello si è molto alzato, chi riesce a vivere di questo o comunque ha un buon guadagno mensile mi ha detto chiaramente che oltre ai mezzi serve sopratutto tempo, perché il proprio portfolio va sempre aggiornato con nuove immagini e se non lo si fa piano piano si perde visibilità.

Quando decisi di avventurarmi nella fotografia di microstock allestì uno studio fotografico nel quale fare sia fotografia still life che di ritratto, a tal proposito vi consiglio di guardare questa raccolta di articoli: Fotografia in studio come utilizzare i flash, le luci e creare uno studio fotografico - Tecnica fotografica e Tutorial Photoshop

Inoltre per riuscire in questo mondo si devono praticare più generi fotografici, dallo still life alla fotografia paesaggistica e di architettura, secondo me viaggiare è un requisito quasi fondamentale, perché in questi siti hanno un loro mercato anche le foto turistiche o per meglio dire da cartolina.


Una delle cause di rinuncia di molti fotografi ad avventurarsi in questo campo sono le regole molto severe di valutazione delle foto che questi siti adottano, quello che posso consigliarvi e di analizzare le foto in vendita su Fotolia, Dreamstime e Shutterstock per capire quali foto vanno per la maggiore.

Una volta capito come realizzare ed elaborare le nostre fotografie non ci resta che caricarle su uno di questi siti.

Ma le difficoltà non sono finite, perché le vostre foto anche se passano la selezione devono essere indicizzate al meglio, potete aver realizzato delle fotografie spettacolari ma se gli acquirenti non le trovano è tutto inutile, ecco come fare:

  • Al momento di salvare il JPEG della foto inserite nelle info file il titolo e le parole chiave, le keywords le potete ottenere dal sito Microstock Keyword Tool selezionando le foto simili alle vostre, otterrete così una lista di parole chiave, selezionatene massimo 10 e inseritele nella vostra foto, in realtà i siti di Microstock vi permettono di arrivare fino a 50 ma più ne inserite meno la vostra foto sarà visibile per quella determinata keyword (infatti Fotolia consiglia un massimo di 10 parole chiave).
  • Quando caricate la foto fate ben attenzione a non sbagliare la lingua per la quale avete settato le parole chiave.
  • Vi consiglio di usare titoli e parole chiave in inglese, perché i siti di microstock le traducono per permettere agli utenti delle varie nazionalità di cercarle nelle proprie lingue, l'italiano nella traduzione verso altre lingue potrebbe essere tradotto male, mentre l'inglese essendo ormai una lingua universale vi permette comunque maggiore visibilità, io ho usato titoli inglesi anche per soggetti italiani, come il Colosseo o le Terme di Caracalla.
  • Per i titoli delle foto mi sono rifatto alle foto già presenti su questi siti adattandoli alle mie fotografie

Una volta caricate la foto non vi resta che aspettare che un team di persone fisiche le analizzi per vedere se rispettano o meno gli standard di qualità richiesti, per oggi è tutto, nei prossimi articoli vedremo come scattare e post produrre delle fotografie adatte al Microstock!

Post più popolari

Corso di Fotografia Digitale online gratuito

Canon o Nikon? Nikon vs Canon - La migliore Reflex è...

I migliori manuali di fotografia per imparare la tecnica fotografica

Tutorial per Photoshop tecniche avanzate di Fotoritocco Professionale

Facebook concorso fotografico nazionale gratuito a premi, tema "la fotografia di viaggio", dall'1 al 30 novembre 2016