29 aprile 2012

Lightroom 4 sincronizzazione modifiche su più foto - Tutorial

Questo articolo fa parte del Corso di Lightroom.

Gli amici di Total-Photoshop.com hanno realizzato un video tutorial su Adobe Lightroom 4.

Quando abbiamo diverse fotografie sulle quali eseguire post produzioni simili allora Lightroom 4 ci permette con una semplice ma efficace procedura, la sincronizzazione.

Con questa funzione tutte le regolazioni effettuate dal modulo sviluppo su una fotografia vengono applicate a tutte le foto che selezioniamo.


28 aprile 2012

Fotografia Sportiva, i generi fotografici - Corso di Fotografia - Lezione 45

Il corso di fotografia online è estrapolato dal libro di fotografia intitolato "Manuale di Fotografia - Occhio, Mente e Cuore" in vendita a 3 euro in versione Ebook PDF.

Questo articolo fa parte del Corso di Fotografia Digitale Online.

Fotografo sportivo con Monopiede - Foto di DeusXFlorida
Flickr.com/photos/8363028@N08/

In Italia, come nel resto del mondo, gli sport di squadra sono quelli che vanno per la maggiore, quindi quando si pensa alla fotografia sportiva automaticamente la mente ci rimanda all'immagine di schiere di fotografi appostati a bordo campo, in realtà esistono alcuni sport in cui non si usa l'equipaggiamento tipico dei fotografi sportivi, sono tutte quelle discipline come ad esempio il pugilato e la pesistica, in cui in determinate occasioni è possibile avvicinarsi molto ai soggetti, quindi come esistono più tipologie di sport esistono più tipologie di fotografia sportiva che rispondono a regole differenti.

L’equipaggiamento necessario per fotografare sport come il calcio o il basket in cui non è possibile stare vicino agli atleti è il seguente:

  • Obiettivo: come minimo si deve avere uno zoom 70-200mm abbastanza luminoso, un’apertura massima di f2.8 è accettabile, in questo modo è possibile usare tempi di scatto veloci senza dover alzare gli ISO. Come è logico il teleobiettivo è d’obbligo, quelli luminosi non sono economici, arrivano a costare nell’ordine delle migliaia di euro, se siete fotografi professionisti la soluzione migliore è il noleggio.
  • Fotocamera: come caratteristica principale deve avere un elevato numero di scatti al secondo. La macchina fotografica va imposta sulla modalità di scatto continua per non perdere nemmeno un fotogramma dell’azione. Le mirrorless rispetto alle reflex per via della mancanza dello specchio possiedono un autofocus più veloce (altro requisito essenziale) ed una maggiore raffica. Solitamente i professionisti usano quelle col doppio slot di memoria poiché effettuano un elevatissimo numero di scatti e non vogliono perdere momenti importanti nel tentativo di cambiare scheda.
  • Monopiede: non serve solo per la stabilità, un teleobiettivo è molto pesante e ci si stanca facilmente senza un supporto su cui appoggiarsi.

Io personalmente non seguo il calcio preferisco fotografare (e praticare) sport come la boxe e la pesistica, in questo caso come già scritto precedentemente l’equipaggiamento adatto, per quanto riguarda me, consiste in ottiche grandangolari con lunghezza focale non superiore a 35mm, perché le foto migliori si fanno stando vicino ai combattenti. Durante gli sparring o gli allenamenti in palestra cerco di mettermi in modo tale da non disturbare gli atleti durante la loro attività, cercando allo stesso tempo la giusta distanza, cosa non molto facile.

Per realizzare le seguenti fotografie ho utilizzato un 35mm f1.8 su fotocamera con sensore APS-C ma l’utilizzo di un grandangolo più spinto non mi sarebbe dispiaciuto.







Quando realizzai le mie prime foto sportive in ambienti con poca luce la mia fotocamera non aveva una grande tenuta agli alti ISO, ma adesso è possibile scattare anche con fotocamere non full frame a 800 - 1000 ISO mantenendo una quantità di rumore accettabile.

I tempi di scatto da impostare sono tutta una questione di gusti personali e di luce presente sulla scena, per questo motivo non posso consigliare un valore preciso, bisogna andare per tentativi.

26 aprile 2012

Novità adobe Photoshop CS6 e Creative Cloud

Tutte le novità di Adobe Photoshop CS6 e Adobe Touch, nuove funzioni e miglioramenti indispensabili per chi pratica fotografia sia a livello amatoriale che professionale!

Il video dura in totale 52 minuti ma niente paura, quello che interessa a noi (Photoshop CS6) si trova al minuto 28 perché il video presenta tutti i prodotti della creative suite 6.

<h2> Adobe CS6 and Creative Cloud online launch</h2> <p> </p>

Lancio online di Adobe Creative Cloud e CS6 - Oggi 26 Aprile

Lancio online di Adobe Creative Cloud e CS6: un evento da non perdere!

Una presentazione di 30 minuti delle novità più importanti.
Siamo convinti che ognuno debba essere libero di creare qualsiasi cosa gli suggerisca l’immaginazione. Ovunque andrai, ovunque ti porterà l’ispirazione, è lì che ti aiuteremo a creare. Scopri come Adobe sta reinventando il processo creativo con il rilascio di Adobe Creative Cloud e Creative Suite 6. Create Now.
Collegatevi il 26 aprile alle ore 17 al link appena indicato sopra.

23 aprile 2012

Fotografia paesaggistica e di architettura, i generi fotografici - Corso di Fotografia - Lezione 42

Foto realizzata da Marco Crupi

Il corso di fotografia online è estrapolato dal libro di fotografia intitolato "Manuale di Fotografia - Occhio, Mente e Cuore" in vendita a 3 euro in versione Ebook PDF.

Questo articolo fa parte del Corso di Fotografia Digitale Online.

La fotografia paesaggistica è un genere fotografico che ritrae porzioni di mondo, non importa se gli spazi immortalati sono naturali o urbani. È il genere fotografico probabilmente più praticato da professionisti e dilettanti.

Come ho già scritto in una precedente lezione di questo corso uno dei pionieri della fotografia paesaggistica e che non potete non conoscere è Ansel Adams.

Foto realizzata da Marco Crupi

La fotografia di architettura, come scritto nell'articolo "La fotografia di architettura, storia ed esponenti" è la rappresentazione dell'architettura nelle immagini fotografiche, include la rappresentazione di edifici e di interni, comprende anche la riproduzione di disegni e la raffigurazione di modelli architettonici.

Tratterò di questi generi fotografici in modo più dettagliato e specifico nel mio prossimo libro "Il paesaggio: dallo scatto alla pubblicazione" che potete trovare anche tra i corsi dell'app "Scuola di Fotografia".

19 aprile 2012

Nikon D3200 da 24 Megapixel prezzo e specifiche tecniche


Video Tutorial/Presentazione Nikon D3200



Specifiche tecniche:
  • Sensore 24.2 megapixel
  • Schermo LCD 3 pollici a 921.000 pixel
  • Processore EXPEED 3
  • Sensibilità ISO 100 a 6400 (estensibile fino a 12800)
  • Sistema autofocus a 11 punti
  • Videorecording full HD (1080p)
  • Compatibilità con adattatore wireless Nikon WU-1a per la condivisione senza fili
  • Effetti Miniatura, Selezione colore, Bozzetto a colori ed Effetti filtro e fotoritocco on camera
  • Compatibilità piena con gli obiettivi Nikkor
Il prezzo della Nikon D3200 che arriverà nei negozi a fine aprile sarà orientativamente di 534 euro per il kit comprendente lo zoom standard 18-55 VR.

17 aprile 2012

Fotografia di moda, i generi fotografici - Corso di Fotografia - Lezione 38

Il corso di fotografia online è estrapolato dal libro di fotografia intitolato "Manuale di Fotografia - Occhio, Mente e Cuore" in vendita a 3 euro in versione Ebook PDF.

Questo articolo fa parte del Corso di Fotografia Digitale Online.


Entrando in un negozio di vestiti, noterete sicuramente quelle belle fotografie realizzate in studio, osservatele con attenzione, sono realizzate in modo tale da porre l'accento non sul modello/a ma sul capo di abbigliamento, borsa, gadget ecc… quelle sono fotografie di moda, un genere fotografico in cui il soggetto principale sono i capi di abbigliamento e i vari accessori che devono essere pubblicizzati (borse, sciarpe, guanti ecc…). 

Se siete interessati a questo genere fotografico riviste che non potete perdere sono Vogue, Harper's Bazaar, Allure, Vanity Fair, Elle e Marie Claire solo per fare alcuni nomi. 

Per crearsi un proprio stile in questo come in altri campi trovo molto utile un consiglio presente nel video della TAU VISUAL che potete vedere qui: Individuare un proprio stile in Fotografia

16 aprile 2012

Il formato DNG il negativo digitale di Adobe

Un focus sul formato DNG, il formato per la memorizzazione dei file raw proprietario di Adobe, i suoi vantaggi e svantaggi e le novità della recente versione DNG 1.4 introdotta con Lightroom 4 e Camera Raw 7.

Articolo correlato: I formati delle immagini


14 aprile 2012

Cos'è la Street Photography, i generi fotografici - Corso di Fotografia - Lezione 37

Foto di Marco Crupi

Il corso di fotografia online è estrapolato dal libro di fotografia intitolato "Manuale di Fotografia - Occhio, Mente e Cuore" in vendita a 3 euro in versione Ebook PDF su lulu.

Questo articolo fa parte del Corso di Fotografia Digitale Online.

Dare una definizione esaustiva della Street photography non è semplice. Si potrebbe cominciare dicendo che è un genere fotografico, più precisamente un genere di reportage. La Street photography è infatti l’istantanea della vita urbana osservata per strada nella sua quotidianità e nei suoi molteplici aspetti: l’ironia, la tragedia, l’imprevedibilità, la bellezza ed anche la crudeltà.

Le immagini di questo genere fotografico sono lo specchio della società, delle persone che la compongono, catturate durante la vita di tutti i giorni da qualche occhio attento alle sfumature dell'umana commedia che va in atto negli spazi pubblici. Essere uno street photographer significa entrare in sintonia con la vita, percepirne gli umori, gli odori, i colori, viverla con intensità per poi cercare di rappresentarla solo dopo averla assorbita.

Henri Cartier-Bresson, che con le sue immagini ha contribuito alla nascita della Street Photography, disse che per cogliere attraverso l'obiettivo i momenti decisivi della vita è necessario porre sullo stesso piano mente, occhio e cuore. Un’attitudine che, sempre secondo le parole del celebre fotografo, richiede prontezza, disciplina, sensibilità e senso geometrico.

Articolo scritto da Alex Coghe

12 aprile 2012

Lightroom 4 recuperare luci e ombre - Tutorial

Questo articolo fa parte del Corso di Lightroom.

Gli amici di Total-Photoshop.com hanno realizzato un video tutorial su Adobe Lightroom 4.

Lightroom 4 ha un nuovo sistema di gestione, recuperare le alte luci e le ombre è molto più semplice.

Questi nuovi comandi sostituiscono il vecchio "recupero" presente nelle precedenti versioni che, per quanto buono, non era così preciso ed efficace come quelli che andremo a vedere in questo video tutorial.


10 aprile 2012

Il Ritratto, i generi fotografici - Corso di Fotografia - Lezione 35

Il corso di fotografia online è estrapolato dal libro di fotografia intitolato "Manuale di Fotografia - Occhio, Mente e Cuore" in vendita a 3 euro in versione Ebook PDF su lulu.

Questo articolo fa parte del Corso di Fotografia Digitale Online.


Un genere fotografico che non ha certo bisogno di presentazioni, praticato anche in altri tipi di arti visive.

I ritratti possono essere realizzati sia in esterni che in studio.

Gli obiettivi convenzionalmente usati nel ritratto hanno una lunghezza focale solitamente compresa tra i 70 e i 105mm che permettono una rappresentazione più fedele del volto del soggetto evitando le distorsioni delle ottiche grandangolari e lo schiacciamento dei piani tipico delle ottiche tele.

Esistono fotografi ritrattisti che si avvalgono di grandangoli estremi per ottenere risultati insoliti e di grande impatto visivo, scattando dall’alto con un grandangolo il soggetto apparirà più piccolo e viceversa scattando dal basso il soggetto sembrerà più slanciato e imponente, quello che vi consiglio e di sperimentare usando diverse lunghezze focali contribuendo così a crearvi un vostro stile.

L'illuminazione nei ritratti assume un'importanza fondamentale, non esiste un’illuminazione migliore di un'altra, tutto dipende dal risultato voluto e dalle caratteristiche che volete mettere in evidenza del soggetto fotografato.

Accorgimenti prima di iniziare a scattare:

  • Controlliamo di aver impostato il bilanciamento del bianco adatto alla fonte di luce, generalmente il WB automatico da buoni risultati.
  • Se la luce lo consente la sensibilità ISO deve essere quella standard.
  • Conviene lavorare in manuale per avere un pieno controllo sui tempi di esposizione e soprattutto sul diaframma, quest'ultimo come ho già detto ci permette di variare la PDC.
  • Caricare la batteria della macchina fotografica e portarne una di scorta, usare un battery grip non è una cattiva idea, inoltre bisogna controllare anche le pile di flash, telecomandi ecc... e ovviamente tenerne di scorta nel caso dovessero abbandonarci.
  • Portarsi più schede di memoria.
  • Preparare tutti gli oggetti che potranno esserci utili durante lo shooting, per esempio sfondi, trucchi per le modelle o semplici oggetti che dovranno essere inseriti nella scenografia.
  • Controllare se sul set è presente qualcosa di sporco, stropicciato, storto ecc... (è importante effettuare questo controllo con cura poiché la piega di una tovaglia può rovinare un bellissimo scatto).
  • È utile creare un "libro" o per meglio dire un catalogo con immagini prese dai magazine (o anche realizzate da noi) per far capire al modello che risultato vogliamo ottenere e soprattutto nel caso di modelli non professionisti può risultare utile per suggerirgli le pose.


Nella fotografia ritrattistica è importante cogliere ogni minima espressione del nostro soggetto, anche piccoli dettagli che possono sfuggirci in fase di scatto possono alterare e spesso rovinare quella che credevamo una bella fotografia, poiché usiamo il digitale non c’è bisogno di risparmiare scatti.

È importante stabilire un rapporto umano con il soggetto e non eccessivamente professionale in modo tale da farlo sentire a proprio agio.

Una volta scattate le foto che ricercavamo, verso la fine della sessione proviamo anche composizioni insolite, a sperimentare con diverse focali o schemi di luce particolari.

Gli obiettivi da ritratto sono generalmente molto costosi poiché devono essere molto luminosi, non solo per poter scattare in condizioni di scarsa luce, ma anche per poter sfocare lo sfondo aprendo il diaframma, senza contare il fatto che le ottiche luminose hanno una qualità mediamente più alta. Un obiettivo con apertura massima a F2.8 può andare bene, ancora meglio sarebbe avere ottiche con apertura massima di F2.0, F1.8 o anche F1.4.

Vantaggi di un'ottica luminosa:

  • Nei ritratti in esterni poter sfocare lo sfondo ci permette di "eliminare" tutto ciò che distrae l'attenzione dal soggetto e di porre l’accento sui suoi colori, non sui dettagli alle sue spalle che grazie alla sfocatura andranno persi.
  • Come ho già detto nel capitolo dedicato alla luce naturale, le ore migliori per scattare sono l'alba e il tramonto, però in questi momenti della giornata la luce è insufficiente e un'ottica non luminosa non potendo scendere sotto F3.5 (come l'obiettivo base della mia fotocamera) o F4 ci costringe o ad aumentare gli ISO o in alternativa ad usare tempi di posa lunghi con rischio del mosso, avere un'ottica luminosa invece ci permette di realizzare ritratti usando tempi veloci e ISO standard con un gradevole effetto di sfocatura.

6 aprile 2012

Fotografia documentaria, i generi fotografici - Corso di Fotografia - Lezione 33

Il corso di fotografia online è estrapolato dal libro di fotografia intitolato "Manuale di Fotografia - Occhio, Mente e Cuore" in vendita a 3 euro in versione Ebook PDF su lulu.

Questo articolo fa parte del Corso di Fotografia Digitale Online.

« Documentaria è la fotografia della polizia scattata sul posto di un delitto. Quello è un documento. Vedi bene che l’arte è senza utilità, mentre un documento ha un’utilità. Per questo l’arte non è mai un documento, ma può adottarne lo stile. È quello che faccio io. » (Walker Evans)

Questa "corrente" fotografica ha le sue controversie nel termine stesso, ovvero, la funzione di documento della fotografia era una cosa già assodata dai primi del 900, e in quanto tale, nel periodo storico in questione, non poteva essere considerata forma d’arte in quanto la caratteristica del documento è il riprodurre la condizione reale con estrema chiarezza, l’immagine deve avere un fine, un utilità, mentre l’arte tali funzioni non le aveva minimamente.

Il concetto stesso di documento, prevede una chiara identificazione del soggetto fotografato (un esempio su tutti è il documento d’ identità, la cui foto viene sempre eseguita frontalmente per consentire il facile riconoscimento del soggetto), a seconda dell’ambito può o meno richiedere anche una contestualizzazione, cosa molto importante richiede imparzialità di veduta (una casa la fotograferò frontalmente e magari ne farò più scatti al fine di illustrare al meglio com‘è lo stabile, non se mi piace o non mi piace).

"Bridge over Han River at Ch'ao-Chou, Fukien [Chao'an, Fujian]" by John Thomson (1837-1921)

La fotografia documentaria nacque in Inghilterra nel 1877 grazie a due reporter londinesi John Thomson e Adolph Smith che immortalarono i quartieri più poveri della città.

Sharecropper by Walker Evans, ca. 1935-36 (LOC)
Believed to be in Public Domain From Library of Congress, Prints and Photographs Collections.
More on copyright: What does "no known restrictions" mean? loc.gov/rr/print/195_copr.html#noknown

Ma l’uso del termine "documentario" associato alla fotografia compare solo intorno agli anni ‘20, esso è preso in prestito dal cinema e i primi riferimenti dell’uso di questo termine compaiono in Europa.

Gran parte dei testi fa risalire gli albori della fotografia documentaria alla depressione economica degli Stati Uniti e ai lavori del FSA (Farm security administration, organizzazione voluta dal presidente Roosevelt che aveva per fine la documentazione di diverse condizioni sociali negli stati uniti) ma ciò è vero solo in parte; vediamo di chiarire il perché di questa affermazione; prenderò ad esempio due "grandi nomi" della fotografia documentaristica, Walker Evans, Americano e l’altro Tedesco, August Sander.

Andando a visionare le opere di questi due fotografi si noterà subito una modalità di ripresa volta alla massima nitidezza delle immagini rappresentate (i soggetti sono quasi sempre ripresi frontalmente, e riempiono l’immagine), spesso, se non sempre, le immagini sono studiate fin nei dettagli e non frutto di uno scatto "istintivo"; Osservando le differenze che corrono tra i due fotografi presi in esame (a onor del vero va detto che tra i due corre quasi un decennio) si potrà notare una differente modalità di interpretazione delle immagini. Mentre Evans cura parecchio la forma e "l’asetticità" del soggetto, Sander lo contestualizza nel suo ambito di appartenenza, l’unico vero comune denominatore tra i due è il distacco dall’immagine al fine di evidenziare una realtà nuda e cruda.

Walker Evans, si riteneva un’artista e le sue foto non erano fatte con finalità politiche o sociali (come invece potevano essere gli intenti di Lewis Hine o una contemporanea come Dorothea Lange) lui stesso non si considera un "documentarista" ma sosteneva di utilizzare uno "stile documentaristico" per fare foto artistiche.

Successori di Evans furono negli anni '60 e '70 Garry Winogrand e Lee Friedlander.

Avendo chiarito cosa in realtà si intende (o si intendeva) con genere documentaristico ritorno a quanto si diceva all’inizio in merito agli esordi di tale forma di fotografia, ovvero se con genere documentaristico si intende quello applicato da Evans e Sanders (che ha il merito di averci fornito uno tra i più ampi archivi di gente comune e lavoratori di vari mestieri) allora si, ma se si pensa alla definizione di detto stile come a un sinonimo di reportage, come oggi viene comunemente interpretato, allora direi che gli esempi di tale genere risalgono a parecchio prima.

Una considerazione personale in merito a quanto scritto qui, quando ho cominciato a fare fotografia pensavo che tutte queste cose fossero solo discussioni futili su un termine piuttosto che un altro (documento o documentario, che differenza c'è?!..); ad oggi però mi sono reso conto che, come in una frase sono le parole giuste che la rendono grande, nella fotografia sono i piccoli dettagli, quelle "parole" che ad una fotografia possono dare un senso compiuto.

Articolo originale di Alessandro Cappelli modificato e rielaborato da Marco Crupi

Sony Alpha SLT A57 nuova reflex della serie translucent


Prima presa di contatto con la nuova reflex della serie translucent Sony Alpha SLT A57. Intervista a Fabio Ustignani, di Publifiere in occasione della chiusura della tredicesima edizione del Photoshow.


5 aprile 2012

Concorso di Fotografia - Tema: I colori della primavera - Fotocontest

E' iniaziato su Forum di fotografia.it il nuovo fotocontest il cui tema sono i colori della primavera.

Il concorso fotografico prevede un premio per il primo classificato, un FOTOLIBRO DI FORMATO 20X30 VERTICALE/ORIZZONTALE DI 32 PAGINE (64 FOTO).

Per vedere come postare la foto e il regolamento del concorso andate a questo articolo: Tema, regole e faq del fotocontest "I Colori della Primavera"

3 aprile 2012

Canon 60Da per la Fotografia Astronomica

Primo sguardo sulla nuova Canon Eos 60Da, la reflex studiata per fornire i risultati migliori nella fotografia astronomica.


2 aprile 2012

Flash FotoQuantum FQS-180/180 + Treppiedi 2.6m + Trigger Set + 2 Softbox 50x70cm


Flash

Il kit è composto da due unità flash da 180W dotate di lampada pilota da 75W, possiedono sul retro un pannello di controllo digitale, compatibili con Adattore Bowens (Softbox, Beauty dish, ecc.), inoltre hanno un Plug-in flash tubolare e la ventola di raffreddamento è molto silenziosa.

Mi sono trovato molto bene con questi flash, molto versatili e di alta qualità.

Softbox

I softbox richiedono l'utilizzo dell'adattore, sono ideali per la fotografia di prodotto, il montaggio è semplicissimo includono la borsa per il trasporto.

Treppiedi

I treppiedi su cui vengono montati i flash sono molto robusti e raggiungono l'altezza massima di 2,6 metri.

Radio Trigger

All'interno del kit si trova un radio trigger che può gestire fino a 4 canali, ideale per usare più flash simultaneamente.

La distanza massima di trasmissione di questo apparecchio è di 15 metri.

In basso potete vedere le foto che ho realizzato con questo kit flash.











Questo tipo di illuminazione è perfetto a scopi professionali, il Kit Flash FotoQuantum FQS-180/180 è un articolo indispensabile per ogni professionista della fotografia. Io consiglio l'acquisto da ProStudio360.it, negozio online specializzato nella vendita di sistemi per lo Studio Fotografico e Video professionali. Solo prodotti da professionisti per professionisti!

1 aprile 2012

Fotografia Professionale: risorse utili per i fotografi

In questa sezione risorse utili sia per i fotografi professionisti (o che vogliono diventare tali) sia per i fotoamatori.

Gran parte del materiale consiste in video realizzati dalla TAU VISUAL - Associazione nazionale fotografi professionisti.

ATTENZIONE: gli articoli sono in ordine cronologico, dal più vecchio al più nuovo.

INDICE ARGOMENTI: