Tre plugins per la riduzione rumore a confronto noise ninja vs noiseware vs dfine

Tre plugins per la riduzione rumore a confronto

Ho voluto fare un confronto tra tre plugins per la riduzione del rumore (cromatico e di luminanza). si tratta di tre plug-ins per photoshop:

1.noise ninja, demo scaricabile qui http://www.picturecode.com/, prezzo per plugin 79.95 $, disponibile anche in stand-alone.
2.noiseware professional, demo scaricabile qui http://www.imagenomic.com, prezzo per plugin 69.95 $  disponibile anche in stand-alone.
3.dfine, demo scaricabile qui http://www.niksoftware.com/, prezzo per plugin 99,95 $.

Ho scattato una foto in raw a 3200 iso con alpha a850 e zeiss 135 f1.8. ho sviluppato il raw in capture one professional, regolando solo l’esposizione e la temperatura colore, tutto il resto disattivato (noise reduction a zero maschera di contrasto a zero).

la foto originale è scaricabile da qui http://www.4shared.com/file/216882772/87435d7b/originale.html ed è questa:


voglio mostrare due crop al 100%, uno della zona a fuoco uno della zona fuori fuoco della foto originale

crop 1, zona a fuoco


crop2, zona fuori fuoco




e ora guardiamo come si presenta l’interfaccia di ciascun plugin, partiamo da noise ninja


L’interfaccia a mio parere non è chiarissima. a parte le due finestre che mostrano l’immagine intera e lo zoom al 100%, il resto non è a mio parere molto chiaro. ci sono diversi pannelli tra cui il primo che permette di creare un profilo della immagine dando un risultato su cui il programma lavorerà. sinceramente se dovessi decidere di mettere qualche impostazione manuale mi troverei molto in imbarazzo e non saprei davvero da che parte cominciare.

voto interfaccia noise ninja: 4/10


ed ora passiamo a noiseware


Seppur ricca di funzioni, l’interfaccia di noiseware appare più chiara. Appena lo si apre il programma effettua una rapida analisi della foto, dando una anteprima della noise reduction accanto alla foto originale. Anche le funzioni sono molto chiare, insomma volendo lavorarci manualmente si saprebbe da che parte cominciare.

voto interfaccia noiseware: 7/10

interfaccia dfine


Per chi proviene da altri programmi della niksoft questa interfaccia è conosciuta. Io uso da tempo viveza che ha la medesima interfaccia. Aprendo dfine per la prima volta ho capito immediatamente come muovermi. per chi non conosce gli altri programmi potrebbero esserci difficoltà nell’intuire il modus operandi. Diciamo che sarebbe un pò come passare da windows a mac, è un altro modo di vedere le stesse cose. Per me è un’ottima interfaccia, ma mi son messa nei panni di un poco esperto curioso che vuol togliere un pò di rumore dalle foto…

voto interfaccia dfine: 6/10

Passiamo all’elaborazione delle tre foto. proprio perché mi metto nei panni di un possibile nuovo utente che non sa dove mettere le mani, faccio tutto in automatico: dico al programma di analizzare la foto e di pulirla.

Quello che mi interessa è vedere quanto il programma pulisca realmente la fotografia sia dal rumore di croma sia dal rumore di luminanza, ma soprattutto fino a che punto la pulitura della luminanza rovini e appiattisca i dettagli della zona a fuoco.

Vediamo un primo confronto:

zona a fuoco in automatico


sfuocato 1


sfocato 2


c o n c l u s i o n i

noiseninja: applica un maschera di contrasto in automatico sul file ed ha uno sfuocato plasticoso e poco pulito. la zona a fuoco è apparentemente buona per la presenza della maschera di contrasto, in realtà l’effetto è molto artificiale. L’appiattimento è stato pesante e il programma si è magiato un bel pò di informazioni: il file originale da 16.6 mb si è ridotto a 12.2 mb

noiseware: il programma che in automatico offre la migor resa, ottimo mantenimento dei dettagli (nel modo default che è quello da me usato la maschera di contrasto è molto bassa) e la resa nel fuori fuoco è eccellente. Il programma ha lasciato quasi tutte le informazioni originali della fotografia, da 16.6 mb è passata a 16.4 mb

dfine: nessuna maschera applicata e tutti i dettagli mantenuti. Scarsa invece la resa nello sfuocato che presenta passaggi duri e quasi posterizzati. Pesantissima la perdita di informazioni, dai 16.6 mb dell’originale si è passati a 9.78 mb.

Per quanto riguarda l’uso manuale dei vari programmi, come ho già detto in precedenza noiseninja è troppo complicato.

Noiseware presenta già alcuni preset divisi in genere fotografico (portrait, landscape…) oppure nel tipo di pulizia (luminanza, croma, forte, debole…) si può agire facilmente su numerosi parametri ottenendo la pulizia adatta alla foto. Ogni personalizzazione può essere salvata come ulteriore preset.

dfine ha lo stesso modus operandi di viveza, lavorando in manuale si possono selezionare zone in base al colore o alla zona. Il programma crea maschere che vanno a lavorare in modo molto selettivo. il neo è che ci sono solo due parametri di regolazione: crominanza e luminanza, fine! una cosa che fa dfine in automatico (e che reputo molto intelligente) è creare un nuovo livello di lavoro. Si può anche scegliere il tipo di maschera se nera o bianca.

Tra i tre continuo a preferire noiseware e a bocciare noise ninja.

b u o n a l u c e a t u t t i . . . senza rumore!





Post più popolari

Corso di Fotografia Digitale online gratuito

Canon o Nikon? Nikon vs Canon - La migliore Reflex è...

I migliori manuali di fotografia per imparare la tecnica fotografica

Tutorial per Photoshop tecniche avanzate di Fotoritocco Professionale

Facebook concorso fotografico nazionale gratuito a premi, tema "la fotografia di viaggio", dall'1 al 30 novembre 2016