Martina vista da Martina la Colombari si improvvisa fotografa ed è la morte della Meritocrazia


La fotografia che vedete qui sopra è presa dal sito del Corriere della Sera ed è stata realizzata da Martina Colombari, che è anche la modella. Si avete capito bene, la Colombari si è improvvisata fotografa, a questo link potete vedere la galleria fotografica con i suoi scatti.

Il risultato è palese, non c'è bisogno che vi dica io che il tutto è abbastanza triste, molto amatoriale, privo di arte, foto che sembrano scattate con un cellulare da una quattoridicenne in tempesta ormonale che vuole farsi la figa con gli amici di facebook.

Direte che non c'è niente di male a farsi degli autoscatti per gioco e che anche i personaggi dello spettacolo possono farlo, ma la cosa scandalosa, veramente desolante per chi dedica tutto se stesso alla fotografia è sapere che i suoi scatti verranno esposti allo Spazio Forma di Milano dal 24 al 28 novembre nella mostra «Martina in-visibile» (diamogli un bel nome figo che fa più artista).

Ecco i commenti di alcuni fotografi che hanno detto la loro sul link della galleria apparso su facebook:


Be, adesso so finalmente quali sono le qualità che deve avere un fotografo. Due tette ed un culo da paura!
Ed aggiungo di aver finalmente capito qual'è il modo corretto di impugnare una macchina fotografica: in topless e a gambe larghe. Graz...ie Martina!


no comment. no comment.


un altro bel contributo alla fotografia femminile. se fino ad ora noi signore ci si lamentava di essere considerate, fotograficamente parlando,perlopiù come soggetti passivi, adesso ci ha pensato Martina a riequilibrare le cose. Bah.


Ha usato la terza "A"! Artista, Autoscato, Atette! Dai non può essere, c'è per forza qualcosa che ci sfugge! Invece del prossimo obiettivo, mi compro un reggiseno!


nn lo so... non so più nulla... sembra che per ogni cavolo di cosa, lavorativa, artistica ecc.. si debba passare dal lato "esteriore" di una persona, o dalle conoscenze, dall'esser figlio di, moglie di...


Si è fatta solo delle foto......altro che fotografa!!!!!!ahahhaha.......
c'è un nome, c'è un corpo che crea attenzione proprio per il suo nome, c'è il fatto che ne parli male ma ne parli (e tanto), c'è la foto che ogni suo ammiratore nei suoi sogni di guardone avrebbe voluto farle perchè era vicino a lei, senza ...luci, a portata di telefonino. ce n'è abbastanza per far venire voglia di scoprire qualcuno che in qualche modo si è abbassato al livello dell'utente di fotocamere dei cellulari. queste foto verranno esposte con l'assoluta certezza che verrà molta, molta gente. verrà magari definita con strane parole (iperrealismo inconsapevole, presaperculo nazionalpopolare?chi lo sa) ma se ne parlerà. non c'entra con la tecnica, e soprattutto il più delle volte con la messa a fuoco :) , ma saprà creare interesse. è la realtà, non ci sono sconti.


un insulto alla fotografia


Che così vadan le cose nel mondo della comunicazione, di prodotto e non, diciamo che qualcosina ne so :-). Mi riferivo al messaggio che si vuole comunicare sul prodotto fotografico e al contesto. E mi chiedo: ma è ancora fotografia questa? Che cosa insegneremo a coloro che frequentano gli Academy? Come usare una G11 così come la usa la Colombari? A me sembra che tutto ciò c'entri assai poco con la fotografia, tanto quanto c'entrava la Carfagna, per competenze professionali, con un ministero. Ma tant'è.


L'idea è vecchia. Vecchissima! (vogliamo ricordare i mille e mille progetti fotografici di autoritratto in stile... "una-foto-al-giorno"?).
Vero che ci sono variazioni sul tema, ma qui l'unica variazione è una tetta o una chiappa. E quindi nulla di nuovo!
Non entro nel merito della tecnica, che potrebbe anche passare in secondo piano.
Ma se il tutto serve a far vedere quanto bella è la G11... il messaggio che arriva è "compratevi un iPhone che almeno giocate un po' e fate le stesse foto, forse anche meglio".
Sinceramente il Forma mi ha deluso non poco.
Anche se credo che se non ci fosse stata Fotografica (Canon) un lavoro simile al massimo veniva esposto alla Fnac, con la sola scusa di avere la gnocca di turno (leggi: Colombari) a richiamare gente.
        

Che dire, tutto questo mi lascia molto amareggiato è la prova che in Italia se sei famoso ed hai i soldi puoi fare tutto, anche una mostra allo Spazio Forma di Milano, anche se di fotografia non sai niente, non importa la bravura o il talento, importa il nome.

E poi mi domandano perché rido quando mi fanno i discorsi sulla meritocrazia.

Aspetto il vostro parere su tutto ciò, mi piacerebbe un vostro commento a questo articolo per sapere cosa ne pensate.

p.s.

Secondo me ha fatto anche pubblicità negativa alla Canon, davvero foto indegne anche di un cellulare.

p.p.s.

Altri commenti di fotografi sulla vicenda (oltre quelli presenti sotto questo articolo) li potete trovare al mio post pubblicato su ClickBlog a questo link: http://www.clickblog.it/post/9825/martina-colombari-si-mette-in-mostra#show_comments



DOVE ACQUISTARE FOTOCAMERE, OBIETTIVI, ACCESSORI E LIBRI

A mio parere il sito più sicuro e con le offerte più vantaggiose anche per gli acquisti online di materiale fotografico è Amazon.it, famoso per la sua assoluta affidabilità, state sicuri che se comprate il prodotto arriverà in poco tempo e in condizioni perfette a casa vostra!

Post più popolari

Corso di Fotografia Digitale online gratuito

Canon o Nikon? Nikon vs Canon - La migliore Reflex è...

I migliori manuali di fotografia per imparare la tecnica fotografica

Tutorial per Photoshop tecniche avanzate di Fotoritocco Professionale

Facebook concorso fotografico nazionale gratuito a premi, tema "la fotografia di viaggio", dall'1 al 30 novembre 2016