mercoledì 3 agosto 2011

Belle fotografie anche con macchine fotografiche compatte

Reputo la macchina fotografica compatta come un ottimo inizio per cominciare ad imparare a fotografare, soprattutto per sperimentare e fare pratica nella composizione dell'immagine.

Non è vero che le macchine professionali fanno foto più belle di una compatta, concetto molto vago e soprattutto errato, semmai hanno una maggior qualità, e la differenza tra una maggior qualità dell'immagine e fare belle foto è tanta! La maggior parte del lavoro è merito di chi fotografa e di chi è creativo.

Una compatta inoltre soffre di grossi limiti e in condizioni di scarsa luce dovrete aguzzare l'ingegno.
Diffidate delle compatte con tanti megapixel frutto di troppo marketing e pubblicità ingannevole. L'ottica è quella che fa veramente la differenza.

I miei consigli per sfruttare al massimo la vostra compatta e per fare delle buone fotografie sono:
  • Scattate sempre in modalità manuale (vi consiglio di leggere l'articolo sulle modalità di scatto) se la fotocamera ve lo consente, oppure in una modalità con meno automatismi possibili per iniziare a fare pratica con l'otturatore, i tempi e l'esposizione.
  • Non usate mai lo zoom digitale, perché è come se ritagliaste l'immagine (crop), peggiora quindi la qualità;
  • quando scattate, non premete subito a fondo il pulsante ma mettete a fuoco tenendo premuto a metà fino a quando deciderete di scattare. Questo diminuirà il rischio di foto mosse, altro articolo che vi segnalo è questo: La tecnica di scatto per evitare il micromosso.
  • Sperimentate sempre nuove inquadrature e imparate a sistemare la composizione anche in fase di post produzione, provate ad usare la regola dei terzi anche in fase di ripresa.
  • Scattate sempre con un valore di ISO più basso possibile quando siete all'aperto con tanta luce, per esempio con ISO 80 o 100, le fotocamere compatte per via del loro piccolo sensore creano molto rumore ad ISO più alti di quelli standard.
  • Con una compatta in interni con poca luce soffrirete molto, consiglio di fare pratica in esterni in condizioni di buona luce, generi praticabili senza problemi con questo tipo di fotocamere sono la street photography, la fotografia paesaggistica e reportage in esterni, poi dipende dalla compatta, se parliamo di compatte di alta classe come la Canon G12  o Lumix lx5 il discorso cambia, ma costano quanto una Reflex entry level.
  • Se volete fare dei bei ritratti all'aperto, usate lo zoom ottico e mettetevi Ad una distanza che vi permetta di riprendere solo il viso o il mezzo busto. Questo farà sì che avrete minor profondità di campo e quindi molto effetto sfocato sullo sfondo, vi consiglio due articoli sulla profondità di campo, un argomento che ogni fotografo che si rispetti deve conoscere: La profondità di campo - Tecnica fotografica: diaframma e profondità di campo.
  • Attivate sempre lo stabilizzatore ottico per scatti a mano libera (se è presente sulla vostra fotocamera), mentre per scatti con il treppiede sarebbe meglio disattivarlo.
Infine, come ciliegina sulla torta, se vi serve un buon software di fotoritocco gratuito, esiste Photoscape che consente di realizzare stupendi effetti sulle foto in pochissimi click.

Come software a pagamento la scelta è ovvia: Adobe Photoshop o Lightroom.


DOVE ACQUISTARE FOTOCAMERE, OBIETTIVI, ACCESSORI E LIBRI

A mio parere il sito più sicuro e con le offerte più vantaggiose anche per gli acquisti online di materiale fotografico è Amazon.it, famoso per la sua assoluta affidabilità, state sicuri che se comprate il prodotto arriverà in poco tempo e in condizioni perfette a casa vostra!



5 commenti:

  1. Mi pare giustissima la differenza tra bella foto e foto di qualità, tra saper comporre una immagine e tirare fuori da essa un messaggio significativo.
    Naturalmente le compatte soffrono anche di altri problemi, legati all'impossibilità di fotografare in RAW per i modelli di fascia economica (e quindi limitazioni nella fase di postproduzione), alla registrazione ad 8bit del colore (che in alcuni casi può portare a posterizzazione). A volte, è meglio prendere una compatta di medio livello che presenta più opzioni di scatto piuttosto che una reflex, complessa da gestire per chi è alle prime armi ed alla quale bisogna comunque abbinare un corredo fotografico che pesa sul portafoglio.

    RispondiElimina
  2. Per come sta andando la fotografia amatoriale oggi (vedi il successo di Instagram, per esempio), una compatta è più che sufficiente a scattare delle gran belle foto, se chi la maneggia ha occhio. La tecnologia ha elevato molto la qualità degli scatti, mancano alcune funzioni avanzate ma un fotoamatore ha tutto ciò che gli serve con in più la praticità di poterla portare sempre in tasca, cosa che non si ha con una reflex.

    RispondiElimina
  3. ciao a tutti. ragazzi miei, io sono a un bivio. sto mettendo in discussione la reflex. sono stato all'estero e ho scattato una valanga di foto con la mia canon 400. vecchiotta, non di prima fascia ma va bene. ho diversi obiettivi, un 50, un tele ecc.. ebbene al ritorno dalle vacanze non ne potevo più! ho cambiato obiettivo un miliardo di volte, spesso perdendo l'attimo, dovevo sempre avere un appoggio per cambiare, non potevo fare filmati perchè la mia macchina non fa filmati... per non parlare del peso dell'attrezzatura, dello zaino... insomma una vera scocciatura. (senza dimenticare i soldi che spendi con questo tipo di macchine) unico lato positivo il mio 50mm che la sera mi ha dato grandi soddisfazioni, ma adesso leggo di compatte che hanno valori iso altissimi, filmati hd, la powershot s95 arriva a f2!! le metti in tasca e via. sto pensando seriamente di fare un passo indietro... (o avanti?). che ne pensate? please non rispondetemi prova a passare alla 7d, il punto non è quello. ;)

    RispondiElimina
  4. Gianluca, io ho gli stessi "problemi" ad andare in vacanza con la reflex e vari Kg di attrezzatura. La soluzione che mi sono dato è di prendere, appena le finanze lo permetteranno, un tuttofare 18-200 da portarsi dietro durante le "gite", magari insieme al 50one che pesa e ingombra poco, e portare il resto solo durante le uscite fotografiche.

    In questo modo si salvano quasi capra e cavoli, a parte i video che anche la mia D300 non fa ma di cui non sento particolarmente la mancanza. L'ingombro si riduce abbastanza ma si ha sempre tra le mani una reflex ;)

    RispondiElimina
  5. Mi trovo nella stessa situazione di Gianluca. Ho ricevuto una Nikon P300 con la promozione sulla D7000 e la trovo semplicemente fantastica. Ottica con F1.8 e modalità PSAM la rendono davvero un'alternativa alla reflex quando non si vuole portare dietro kg di attrezzatura.
    Mi piace l'articolo ed il blog che ho scoperto da poco. Complimenti.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google