16 gennaio 2017

Autodesk Pixlr una alternativa a Photoshop per i fotoamatori

Nell'articolo "le migliori alternative a Photoshop per la fotografia" avevo già citato Pixlr, in questo post scritto da Rosaria Losco vedremo più in dettaglio le potenzialità di questo programma.


Se la tua passione per la fotografia è nata da poco e magari ancora scatti con una fotocamera compatta, forse non te la sentirai di entrare già nell'immenso (e anche un po' costoso) mondo di Photoshop. Oppure se vuoi fare un ritocchino veloce veloce prima di inviare una foto ad un amico, ti farà comodo poter contare su un software essenziale ma d'effetto. Allora ti consiglio di continuare a leggere questo articolo e scoprire Autodesk Pixlr. Un programma di fotoritocco dall'interfaccia semplice, per cui non è richiesta una conoscenza approfondita, se non un minimo di inglese (ma davvero un minimo). Altro aspetto positivo è che Pixlr accontenta davvero tutti e lo possiamo installare sia su Windows e Mac sia su iPhone e smartphone e tablet Android.

Ma cosa possiamo fare praticamente con questo programma? Le operazioni di base (taglio, inclinazione, contrasto e luminosità), sfocato, colore selettivo per mettere in evidenza un oggetto. Inoltre è disponibile una galleria di 100 filtri. Se un tramonto fotografato con un vecchio smartphone ha perso tutti i colori caldi e le ombre che ci avevano fatto innamorare di quello scatto, potremmo facilmente restituirli sovrapponendo un paio di filtri. Il bello di Pixlr è, infatti, la possibilità di sovrapporre più filtri e poterne regolare l’intensità così da assicurarci sempre effetti assolutamente naturali e mai troppo aggressivi o troppo tenui. E se ancora non siamo soddisfatti possiamo perfino simulare il filtro Neutral Gradient o l'FLD che non avevamo a disposizione quando abbiamo scattato.


Se una foto è proprio irrecuperabile possiamo sempre affidarci ad effetti antichizzati e surreali. Per chi decidesse di acquistare la versione Pro (circa $15/anno), inoltre, Pixlr mette a disposizione delle comodissime maschere (proprio come quelle di Photoshop) così da modificare solo alcune parti di una foto. 

Se volete dare nuova vita alle vostro foto e non avete pretese professionali Pixlr è sicuramente un ottimo strumento.


15 gennaio 2017

Gerda Taro, una vita vissuta all’ombra di Robert Capa

Gerda Taro fotografata da Robert Capa, 1937

Robert Capa: il più grande fotoreporter di tutti i tempi, ha avuto fama mondiale per decenni.

Le sue foto sono state amate e criticate, pubblicate in riviste e giornali, mostrate ancora oggi. Attraverso il suo obiettivo ha visto la desolazione della guerra; si è spostato in tutto il mondo, ha viaggiato incontro ai conflitti bellici, stando sempre in prima linea affianco ai soldati. Un uomo ricco di coraggio e di talento divenne il capostipite del fotogiornalismo di guerra poiché fu il primo testimone nelle battaglie più importanti del XX secolo, in grado di dichiarare tempestivamente l’orrore, la morte e la devastazione del genere umano: ma la verità è che Robert Capa non esiste.

Il nome era lo pseudonimo di Endre Ernő Friedmann che creò grazie alla sua compagna Gerda Taro, anche questo un nome fittizio di Gerta Pohorylle. Tutti, chi più chi meno, conosciamo le grandi fotografie che ci ha regalato nel secolo delle grandi guerre: “Morte di un miliziano” del 1936 o “Omaha Beach” del 1944, ma chi si ricorda di Gerda Taro? Gerda fu la compagna di Robert Capa, morì a soli 26 anni sul campo di battaglia esercitando la sua professione di fotoreporter di guerra. È stata considerata la prima fotogiornalista ad affiancare le truppe al fronte e la sua breve vita è ricca di un impegno socio-politico che non la abbandonerà mai e che si porterà fino alla morte avvenuta a Brunete, vicino a Madrid, nel 1937.

L’incontro con Robert Capa e i valori comuni che condividevano e le origini ebraiche di entrambi, la avvicineranno alla fotografia e la porteranno a intraprendere questo nuovo lavoro, insolito per le donne dell’epoca. La straordinaria idea di creare degli pseudonimi li porterà a spostarsi più volte per l’Europa come fotoreporter e a sfuggire anche al rastrellamento nazista.

Francia, Parigi,1935.
Gerta Pohorylle (futura Gerda Taro) e André Friedmann (futuro Robert Capa)
Foto Fred Stein

Il suo lavoro fotografico ebbe il suo culmine più alto proprio in Spagna, durante la Guerra Civile spagnola, dove questa donna così emancipata e rivoluzionaria per questo delicato periodo storico scriveva inconsapevolmente parte della fotografia di guerra.

Il suo talento venne offuscato dalla fama del compagno per oltre sett’anni; Capa non si riprese mai da questa perdita e un anno dopo la sua morte le dedicò un libro con la raccolta delle loro fotografie chiamandolo “Death in the Making”, ma ciò non bastò a far perdurare il lavoro fotografico di Gerda negli anni successivi. Gerda aveva imparato tutto ciò che c’era da imparare sulla fotografia da Robert Capa; nei primi mesi lavoravano all’unisono, uno affianco all’altro, fino allo scoppio della Guerra civile spagnola.

In quegli anni le tecniche fotografiche erano totalmente nuove rispetto alle fotografie delle battaglie della metà del XIX secolo. Lo stile fotografico di Gerda non fu uno stile studiato e applicato alle situazioni, come tutti i fotoreporter, sapeva come utilizzare la macchina fotografica; quando si tratta di fotografia di guerra nessuno studio teorico o tecnico può far parte del tuo stile: tempestività, velocità, coraggio sono solo alcune caratteristiche di cui si deve tenere conto.

La maggior parte delle fotografie ritrovate sono state nel tempo analizzate e approfonditamente studiate, sono stati esaminati i periodi, le date, le città e gli spostamenti da loro effettuati ma un’altra caratteristica fondamentale è l’uso delle diverse macchine fotografiche: Gerda fotografava prevalentemente con una Rolleiflex, formato 6x6 mentre Robert preferiva fotografare con una Leica; nello stile di Gerda predominava l’individuo, i suoi scatti mettono a fuoco i protagonisti della guerra, le vittime, i combattenti.

Guardando la sua produzione si riscontra una maturità fotografica raggiunta durante la Guerra civile spagnola; nel primo periodo affiancata a Capa, gli scatti sono molto semplici, quasi dilettanteschi, i luoghi e i protagonisti fotografati fanno parte della quotidianità, gli sguardi sono quasi sempre diretti verso l’obiettivo, sono semplici ritratti. In queste fotografie prevale la presenza umana, sono fotografati principalmente gli antifascisti di tutti i generi e di tutte le classi sociali: uomini, donne, bambini, soldati, intellettuali, agricoltori e miliziani.

Nella sua prima produzione fotografica possiamo trovare tre archetipi: il soldato, il contadino e il miliziano, tre figure fondamentali che sottolineano il cambiamento che stava avvenendo in quel periodo e la nuova organizzazione della politica repubblicana. Gerda fotografava molto spesso le donne, soprattutto le miliziane e le intellettuali ma ciò non rappresentava in modo reale la posizione della donna di quegli anni; si trattava di una minoranza catturata dall'obiettivo di Gerda - forse perché molto vicino alle sue idee politiche e non convenzionali -.

L’infanzia è un altro punto fermo dell’opera fotografica di Gerda, bambini che vestono divise militari, che giocano sulle barricate; un’infanzia stroncata, già finita ancora prima di iniziare, bambini che sono sempre e comunque accompagnati da soldati o da armi da fuoco, bambini visti fotograficamente come vittime.

In queste fotografie possiamo notare una ripresa quasi sempre dal basso, dove l’essere umano è al centro sia del tema della guerra sia della fotografia stessa; viene fotografato lo spirito antifascista che invade anche i più piccoli.

Foto di Gerda Taro.
“Tre uomini alla finestra dell’hotel Colón, sede del PSUC (Partito Socialista Unito della Catalogna)”
Spagna, Barcellona, Agosto 1936

Foto di Gerda Taro.
“Addestramento in spiaggia di una miliziana repubblicana”
Spagna, Barcellona, Agosto 1936

Foto di Gerda Taro.
“Due bambini sulla barricata”
Spagna, Barcellona, Agosto 1936

In un secondo periodo, potremmo definirlo dal 1937, vi è un dominio della fotografa sulla costruzione dettagliata delle immagini, sono fotografie più attente sul piano formale e sono connotate da un velo propagandistico più consapevole.

Quando la guerra inizia a devastare il paese, Gerda abbandona la Rolleiflex per passare all’agile e compatta Leica, ed è proprio in questo periodo che i suoi scatti raggiungono livelli più alti di drammaticità e tecnica. In effetti, la Rolleiflex ha un formato 6x6 ed è promotrice di una visione lenta ma precisa mentre la Leica fu la prima a vantare un formato 35 mm utilizzando la pellicola cinematografica a doppia perforazione e ciò semplificava lo scatto divenendo intuitivo e rapido. L’uso di entrambe le macchine fotografiche segna lo sviluppo del lavoro fotografico di Gerda, la prima – si suppone - fu utilizzata nella serie di fotografie in Catalogna e in Aragona, mentre le ultime fotografie sono realizzate con una Leica a Valencia e a Brunete.

Da qui in poi, fotograferà i rifugiati, gli orfani di Madrid, i rivoluzionari, le miliziane, i morti e le macerie causate dai bombardamenti, tutti temi che ebbero grande spazio sulla stampa nazionale ed estera.

Quando Gerda si affianca ai miliziani inizia il vero lavoro da fotoreporter di guerra; la maggior parte della produzione fotografica cambia, i soggetti sono mossi e in movimento, in alcuni casi la ripresa non è più dal basso ma frontale, vi sono pochi ritratti e molte foto di gruppo, i protagonisti sono
prevalentemente i combattenti e i morti. In queste fotografie possiamo vedere tre modelli che compongono gli scatti di Gerda:

  • Composizione asimmetrica che occupa principalmente la parte sinistra dell’inquadratura.
  • Composizione fotografica dei soggetti impostata verso il lato destro.
  • Figure e oggetti tagliati dall’inquadratura nel lato sinistro.

Foto di Gerda Taro.
“Senza titolo” Spagna, 1936

Foto di Gerda Taro.
“Rifugiati da Malaga in Almeria”
Spagna, Febbraio, 1937

Foto di Gerda Taro.
“Bambino rifugiato”
Spagna, Almeria, Febbraio, Giugno 1937

Il valore di queste fotografie è inestimabile, non tanto per il valore commerciale che hanno acquisito negli anni e né tanto meno per la loro incredibile storia, ciò che è importante è il fatto che hanno riportato alla luce un pezzo di storia fondamentale per l'umanità.

Una volta terminato il conflitto bellico in Spagna, nel 1939 a Parigi, Capa diede i negativi al suo aiutate Imre Weiss, detto anche Csiki, anch’esso fotografo. Si suppone che sia stato proprio Csiki a costrutire le valigie e a catalogare i negativi, una volta pronti li diede al generale messicano Francisco Javier Aguilar González che in quel periodo era l’ambasciatore del Messico. Dopo la morte del generale, avvenuta nel 1975, i negativi passarono in mano alla zia del regista messicano Benjamín
Tarver, amica del generale. Per lunghi anni i negativi furono custoditi in un vecchio armadio e solo nel dicembre del 2007 arrivarono all’International Center of Photography.

Cornell Capa, fratello di Robert Capa, per anni cercò in tutto il mondo la famosa valigia; nel 1979 pubblicò su una rivista fotografica di essere ancora alla ricerca dei negativi della Guerra Civile spagnola e che se qualcuno sapeva qualcosa al riguardo doveva mettersi in contatto con gli esperti del suo centro, ma nessuno rispose a quella richiesta.

Solo pochi mesi prima della sua morte realizzò il sogno di poterli esporre nel suo centro di fotografia e rendere omaggio a suo fratello e ai suoi compagni. Questo materiale non offre solamente la visione della Guerra Civile spagnola ma ci dimostra l’eccezionale lavoro dei tre fotoreporter che furono alla base della fotografia di guerra moderna.

Solo nel 2007 grazie all’International Center of Photography di New York furono ritrovate tre valigie denominate “La maleta mexicana”. La raccolta conservava più di 4500 negativi della Guerra Civile spagnola, fotografie scattate da Robert Capa, Gerda Taro e David Seymour.


Negativo di Gerda Taro, dalla maleta mexicana.
Spettatori alla parata dei funerali del generale Lukacs, Valencia (16 giugno 1937).


Foto di Gerda Taro, dalla maleta mexicana.
“Folla all'esterno dell'obitorio dopo un raid aereo”
Spagna, Valencia, Maggio, 1937

Grazie a questa raccolta fotografica il nome di Gerda Taro riemerge e torna ad avere la sua rilevanza nella storia della fotografia e affianca il mito di Robert Capa, non solo come compagna ma soprattutto come fotografa ed eroina della Resistenza al fascismo.

Nel 2008 la notizia divenne ufficiale e si programmarono diverse esposizioni in Francia, in Spagna e in America e in altri paesi, per rendere vivo il ricordo di una delle Guerre più importanti della nostra storia.

Nel 2011 la regista Trisha Ziff racconta l’interessante storia di questi 4500 negativi scomparsi da più di 70 anni in un film documentario. Oggi, la valigia e i negativi sono esposti all’International Center of Photography, nella città di New York.

Potrebbe sembrare una storia inventata, un racconto creato per affascinare i più piccoli ma è una storia del tutto vera; un alone di mistero che avvolse e avvolge ancora oggi la figura di Robert Capa e di Gerda Taro.

Giada Di Gregorio
Instagram @Irideazul

13 gennaio 2017

Scopri le migliori offerte su fotocamere e accessori grazie al nostro canale Telegram


Su richiesta degli utenti del gruppo Scuola di Fotografia abbiamo aperto il canale telegram dedicato alle migliori offerte su fotocamere, accessori fotografici e libri di fotografia.

Grazie ad esso sarà possibile controllare dal proprio telefono in tempo reale se sono usciti sconti interessanti su prodotti fotografici di vario genere, il canale è consultabile anche da computer.

Link diretto al canale: t.me/offertescuoladifotografia

ATTENZIONE se si apre il link dall'app facebook su smartphone android potrebbe non funzionare, si deve aprire copiando il link su un browser web esterno.

10 bei posti dove scattare foto a Roma che forse non conosci

Chi ha detto che il problema di ogni fotografo sia solo la luce, il soggetto o l’attrezzatura fotografica? Sono una fotografa amatoriale di Roma e mi capita spesso di realizzare qualche scatto ad amiche e non, il problema più ricorrente è sempre il solito: "Dove scattiamo le foto?"

Così inizio le ricerche e, fortunatamente, in una città così grande, c'è sempre qualche luogo inesplorato. Oggi voglio aiutare chi, come me, si sente sempre un po' spaesato ad una domanda simile o chi, semplicemente, vorrebbe conoscere posti nuovi per catturare qualche attimo. Di seguito la rassegna di 10 bei posti dove scattare foto a Roma:

1. Isola Tiberina

Isola Tiberina - Foto di Pietro Motta

L'Isola Tiberina sorge sul fiume Tevere, vicino al centro storico di Roma. Collegata al Lungotevere degli Anguillara da Ponte Cestio e al Lungotevere de' Cenci da Ponte Fabricio, l'Isola gode di favolosi scorci e scenari, soprattutto sulle rive del fiume, le quali si possono raggiungere tramite l’accesso situato alla sinistra di Ponte Cestio. Il fiume sarà davvero a pochi passi da voi, insieme a scalinate, alberi, il rudere del cosi detto "ponte rotto" e numerosi scorci caratteristici.

Come arrivare?

L'Isola Tiberina si trova nel quartiere Trastevere di Roma ed è facilmente raggiungibile tramite il tram 8 (fermata Piazza Gioachino Belli) e gli autobus H (dalla Stazione Termini) e 780 (da Piazza Venezia).

2. Gianicolo

Vista dal Gianicolo - Foto di Elena Gabrielli

Il Gianicolo è la terrazza panoramica di Roma, ottima per fotografie panoramiche! Se vorrete avventurarvi, troverete uno scenario fantastico anche al famosissimo Fontanone e al monumento Roma o Morte a pochi passi dal Piazzale del Gianicolo, anch'essi si affacciano davanti la città.

Come arrivare?

Il Gianicolo è raggiungibile a piedi dal quartiere Trastevere o tramite gli autobus 870 e 115.

3. Clivo di Scauro

Clivo di Scauro - Foto di wsifrancis

Questa piccola e antichissima strada è sconosciuta ai più che abitano Roma. Come l’ho trovata? Per pura casualità! Clivo di Scauro si trova all’ingresso della Villa Celimontana, sul Monte Celio, a pochi passi dal Circo Massimo e dal Colosseo. Facilmente raggiungibile attraverso la Salita di San Gregorio, il clivo offre una prospettiva favolosa con i suoi archi, perfetta per qualunque tipo di foto!

Come arrivare?

Clivo di Scauro è raggiungibile tramite Metro B e tram 3 (fermata Circo Massimo), in entrambi i casi dovrete proseguire fino alla Salita di San Gregorio e arrivare all’omonima piazza.

4. Viale della Trinità dei Monti

Scalinata della Trinità dei Monti - Foto di David McKelvey

Viale della Trinità dei Monti collega la terrazza panoramica del Pincio, che si affaccia su Piazza del Popolo, e Piazza Trinità dei Monti con l’omonima scalinata che scende su Piazza di Spagna. La passeggiata offre un meraviglioso scenario sul centro storico di Roma e, al tramonto, è l’ideale per delle foto indimenticabili e davvero pittoresche.

Come arrivare?

Viale della Trinità dei Monti è raggiungibile da Piazza di Spagna salendo la scalinata di Trinità dei Monti; da Piazza del Popolo tramite Via Gabriele D’Annunzio.

5. Villa Sciarra

Villa Sciarra

Villa Sciarra si trova nel cuore del quartiere Monteverde Vecchio di Roma. Ricca di viali alberati, la villa ospita numerose fontane marmoree, sentieri ricoperti d’edera e un caratteristico tempietto adiacente le mura di recinzione. Un vero e proprio locus amoenus della fotografia, dove perdersi sarà un’esperienza tutt’altro che spiacevole!

Come arrivare?

Villa Sciarra è raggiungibile tramite gli autobus 44 e 75 (fermata Calandrelli), su Via Calandrelli vi sono due entrate, le altre si trovano in Via Dandolo (fermata Dandolo – Casini, autobus 44 e 75) e Largo Giovanni Berchet.

6. Quartiere Trullo

Quartiere Trullo

Il quartiere Trullo di Roma è l'esempio più spettacolare di come la street art abbia riqualificato un quartiere di periferia. Accedendo dall'entrata del Mercato del Trullo ci ritroveremo in un museo a cielo aperto: i muri degli edifici sono completamente affrescati con disegni, scritte e macchie di colore.

L'attività è stata promossa dal gruppo dei “Poeti der Trullo” che, grazie alla loro attività culturale, hanno dato nuova vita ad una delle più famose periferie romane. Un angolo di cultura contemporanea a Roma da non farsi sfuggire.

Come arrivare?

L’entrata del Mercato del Trullo (Via del Trullo, 297) è raggiungibile tramite gli autobus 719, 771, 775 (fermata Trullo – Campagnatico).

7. Aventino

L'Aventino - Foto di Federica Girardi

L'Aventino è uno dei sette colli di Roma e, probabilmente, il più caratteristico. Dimora di villini storici e strade silenziose, è l’ideale per una passeggiata primaverile. Tappe obbligatorie sono: Piazza dei Cavalieri di Malta con il famosissimo buco della serratura, dal quale è possibile vedere uno splendido scorcio della cupola di San Pietro; e il Giardino degli Aranci, che ospita un’altra delle terrazze panoramiche di Roma insieme ai suoi viali alberati, dove le chiome dei caratteristici pini romani sembrano intrecciarsi l’una all’altra. Nei mesi di maggio e giugno vi consiglio di visitare il Roseto Comunale di Roma, a pochi passi dal Giardino degli Aranci (Via di Santa Sabina), con più di cento specie di rose diverse, un tripudio di colori per gli appassionati della fotografia macro!

Come arrivare?

Il quartiere Aventino è raggiungibile da Via Marmorata (quartiere Testaccio) tramite Via di Porta Lavernale; dal Circo Massimo (Metro B), tramite Clivo dei Publicii.

8. Parco degli Acquedotti

Parco degli Acquedotti - Foto di Marcello Linzalone

Il Parco degli Acquedotti sorge sull’Appia Antica e ospita una delle meraviglie architettoniche di Roma: un complesso di undici acquedotti, tra i quali l’acquedotto Felice risalente all’epoca cinquecentesca, contrariamente agli altri che sono di epoca romana. Molte scuole di fotografia organizzano le proprie uscite in questo parco, dove i fotoamatori si perdono volentieri tra natura e storia, riscoprendo il fascino di una civiltà perduta alla luce del tramonto.

Come arrivare?

Il Parco degli Acquedotti è raggiungibile tramite Metro A (fermata Giulio Agricola), proseguendo su Viale Giulio Agricola fino ad incrociare Via Lemonia (entrata dalla chiesa di San Policarpo).

9. Rione Trastevere e Rione Monti

Trastevere - Foto di Alessandro Grussu

Il Rione Trastevere e il Rione Monti sono tra i quartieri più antichi e caratteristici di Roma. Entrambi ricchi di vicoli, case antiquate e scorci meravigliosi, come la chiesa di Santa Maria in Trastevere o la famosa Piazza Trilussa. Non ho consigli per chi li visita, se non quello di mettere da parte il navigatore o la mappa ed avventurarsi, come fossero una giungla!

Come arrivare?

Il quartiere Trastevere è raggiungibile tramite il tram 8 e gli autobus H e 780 (fermata Gioachino Belli), proseguendo per Via della Lungaretta. Da Piazza Trilussa (Lungotevere Farnesina) tramite gli autobus 23 e 280.

Il quartiere Monti è raggiungibile tramite Metro B (fermata Cavour) o autobus 75.

10. Quartiere Eur

Quartiere Eur - Foto di Federica Girardi

Il quartiere Eur di Roma è forse tra i più noti per le uscite fotografiche. Costruito negli anni '30 in occasione dell’Esposizione Universale mai svoltasi, l'Eur ospita moltissimi edifici all'avanguardia quali il Palazzo della Civiltà del Lavoro (noto anche come "Colosseo Quadrato"), il Museo della Civiltà Romana, il Palazzo dei Congressi e il Lago dell'Eur. Un luogo perfetto per fotografare una realtà architettonica diversa, che sa emozionare all'ombra dei tanti colonnati.

Come arrivare?

Il quartiere Eur è raggiungibile tramite Metro B (fermata Eur Fermi o Eur Palasport).

Roma è piena di luoghi magici e 10 punti non bastano. Ora la domanda è: "Qual è il vostro luogo preferito dove scattare foto?"

Buona Avventura!

Federica Girardi

10 gennaio 2017

Che cos'è un archivio fotografico

National Archives and Records Administration, Washington, D.C.

Questo articolo fa parte della rubrica: La Storia della Fotografia da Aristotele ai giorni nostri

Vi è una notevole confusione che circonda il concetto di archivio, anche gli archivisti professionisti tendono ad aggravare il problema impiegando la parola in diversi modi. Le parole "archivio" e "archivi" sono utilizzate in molti contesti differenti, soprattutto per quanto riguarda le fotografie.

Un archivio è classicamente definito dagli archivisti come una organizzazione governativa o istituzione, il quale può contenere fotografie. Tuttavia, per estensione il termine comprende altri tipi di raccolte, tra cui documenti aziendali, documenti personali e altri tipi di collezioni.

Una lunga e ricca tradizione governa il modo in cui vengono elaborati tali archivi, catalogati e descritti, conservati e resi disponibili per la ricerca. Gli archivisti sono professionisti responsabili per la cura dei fondi archivistici. La professione è ben sviluppata ed è rappresentata da una serie di organizzazioni negli Stati Uniti e in altri paesi del mondo, come la Society of American Archivists, formata nel 1936. Una formazione d'archivio viene offerta in varie università, spesso in dipartimenti di storia e scuole di biblioteconomia.

Distinzione tra archivio, biblioteca e museo

Le fotografie vengono gestite in tre tipi fondamentali di depositi: biblioteche, musei e archivi. Ogni tipo di organizzazione ha una tradizione e metodologia distinta, anche se all'atto pratico si sovrappongono considerevolmente, con frequenti eccezioni alle regole generali. 

Le Biblioteche tendono ad essere orientate agli oggetti: il libro rilegato è l'unità catalogata e monitorata. Per estensione, la fotografia è analoga al libro come unità di ricerca o di studio. Quando possibile, le biblioteche possono contrassegnare ogni fotografia con un codice o numero che serve a individuare la sua posizione corretta.

In una collezione museale, la fotografia è catalogata generalmente in base a criteri estetici e tecnici, tenendo poco in considerazione il contenuto.

In un museo d'arte, invece, l'accento è di solito posto sul fotografo e sulle sue opere, le foto sono quindi classificate in base al nome dell'autore in ordine alfabetico. Eccezioni possono essere fatte per i formati speciali, in particolare oggetti non identificati o non attribuibili a un autore. Per esempio è il caso dei dagherrotipi anonimi, i quali possono essere conservati insieme. Una pratica di museo corretta richiede che ogni fotografia, a prescindere dalla sua posizione debba essere contrassegnata con un numero di catalogo unico per collegarla al suo catalogo individuale, manuale o elettronico, che ne identificherà la provenienza.

Negli archivi e nelle collezioni d'archivio, l'unità di base per l'identificazione, la catalogazione e il monitoraggio è un contenitore, il quale non deve contenere acidi. Il contenitore può essere riempito con decine o addirittura centinaia di fogli di carta, tra cui materiali come la corrispondenza, documenti finanziari o fotografie, ben organizzati in cartelle etichettate.

La tradizione e la teoria presuppongono che i veri archivi e la maggior parte dei fondi archivistici che contengono documenti aziendali e personali, nonché collezioni di documenti e fotografie (di solito raccolti da fonti esterne in modo selettivo) siano trattati a livello di gruppo, sia per ragioni teoriche che pratiche.

Una collezione d'archivio è di solito conservata nel suo ordine originale, se tale ordine era significativo. Il rispetto per l'ordine originale deriva dal fatto che, in raccolte di documenti organicamente formate, l'ordine esistente riflette la storia e le attività dell'organizzazione e la disposizione in sé fornisce informazioni, che potrebbero essere perse se l'ordine fosse alterato o distrutto.

Implicita nella regola di mantenere l'ordine originale all'interno di un particolare gruppo di documenti, indipendentemente dal loro tipo (ad esempio, manoscritti, dattiloscritti, registrazioni sonore, videocassette, fotografie), è che il gruppo non sia mescolato con altri gruppi di documenti, ognuno manterrà la sua identità separata e la sua provenienza.

Queste caratteristiche tipiche degli archivi possono essere apprezzate meglio se rapportate con le pratiche bibliotecari, che tendono a ordinare per sequenze di documenti. Certamente questo è vero nel caso dei libri, di solito organizzati per argomento e in ordine alfabetico secondo uno schema di classificazione senza riguardo per la provenienza. Allo stesso modo, le biblioteche che raccolgono fotografie per motivi di studio spesso le ordinano allo stesso modo in base al soggetto della foto e secondo a un sistema di classificazione pre-ordinato, trascurando la provenienza e il fotografo autore dello scatto.

Al contrario, gli archivi normalmente non usano questo sistema di classificazione delle foto a causa della preoccupazione per il mantenimento dell'ordine originale delle sequenze, la provenienza e l'autore dello scatto.

Almeno dal 1970, molti archivisti si sono specializzati nell'ambito fotografico, la formazione in questo settore è possibile in ambienti universitari e in workshop specifici. La Society of American Archivists ha sponsorizzato corsi sulla gestione di collezioni fotografiche per molti anni, gli archivisti senza una formazione specializzata sono inoltre tenuti ad avere almeno una conoscenza rudimentale di fotografia e delle caratteristiche fisiche dello scatto al fine di preservare le foto e renderle disponibili per scopi di ricerca.

Margery S. Long della Society of American Archivists ha scritto:

Gli archivisti e storici non sempre riconoscono le fotografie come fonti primarie. Negli anni di formazione degli archivi, solo i documenti scritti sono stati considerati come archivio e meritevoli di conservazione.
Materiali pittorici spesso sono stati rimossi dalle collezioni e catalogati come documenti in formato immagine in modo generico; il principio di provenienza è stato raramente loro applicato. Alcuni archivisti hanno catalogato le fotografie come "miscellaneous ephemera" o "memorabilia".
Alcune fotografie non sono state nemmeno notate o considerate e sono state lasciate nella loro posizione originale, mescolate con manoscritti, documenti e corrispondenza.
Spesso l'unico indizio per l'identificazione di alcune fotografie è stata la loro posizione tra i documenti, che per esempio può essere la vicinanza a una lettera che descrive gli eventi o i nomi delle persone indicate in foto. (Ritzenthaler et al., Archives & Manuscripts: Administration of Photographic Collections, Revised edition 1999.)


Il tentativo di mantenere l'ordine originale è una sfida per gli archivisti, in particolare per le fotografie. Ad esempio, le fotografie possono essere strettamente associate con altri tipi di documenti e possono richiedere un diverso standard di cura e ambiente di storage rispetto alle carte associate.

Le fotografie generalmente non sono catalogate singolarmente perché sono spesso parte di un gruppo, che può essere descritto a livello collettivo in registri ed elenchi.

Molte fotografie fanno parte di grandi gruppi, e sarebbe difficile o impraticabile catalogarle singolarmente. Il crescente interesse per le fotografie storiche a partire dagli anni 1960 e 1970 ha creato una grossa sfida per i metodi di archiviazione. Alcuni archivi hanno adottato una strategia di catalogazione selettiva per le fotografie e altri oggetti ad alta richiesta.

Tale pratica ha reso l'archivio un genere più ibrido di organizzazione, sovrapponendo le tecniche d'archivio a quelle bibliotecarie e museali. Dal momento che le fotografie incarnano spesso molti strati di significato: testimonianza storica, oggetto estetico e artefatto culturale.

Le fotografie e altro materiale visivo richiedono un certo grado di accesso a livello di articolo. Mentre un documento scritto può non essere rimosso fisicamente dalla sua posizione di file, i materiali visivi di tanto in tanto devono essere rimossi dal loro contesto di archiviazione per essere copiati, scansionati o esposti in pubblico. Gruppi di fotografie il cui ordine originale è ritenuto non significativo o del tutto assente possono essere riorganizzate per la comodità degli archivisti. Questa situazione si verifica spesso quando i proprietari o i creatori delle fotografie originali non sono riusciti a riconoscere relazioni significative tra loro o semplicemente non hanno messo a punto un sistema di archiviazione utile.

Gli archivisti trattano anche con materiali che non sono archivi, nel senso che non rappresentano un'organizzazione di catalogazione organica. Tali aggregazioni, sono spesso chiamate "manuscript collections", molte di queste collezioni sono acquisite da organizzazioni archivistiche la cui missione è quello di raccogliere materiale di ricerca rilevante secondo le linee guida indicate da una varietà di collezionisti e fonti. Alcuni archivi sono organizzazioni ibride, che soddisfano diverse missioni. Gli archivi dell'Art Institute of Chicago, conservano i documenti aziendali dell'Art Institute, raccolgono anche le carte degli artisti, tra cui spesso fotografie, così come materiali di ricerca vari provenienti da una varietà di fonti.

Le strutture organizzative dell'archivio variano ampiamente. Alcuni archivi si trovano in biblioteche, e spesso includono manoscritti e file fotografici, queste collezioni sono gestite in conformità con le tradizioni d'archivio.

Interno del National Archives

Gli Archivi variano in dimensioni e portata. Il The National Archives and Records Administration of the United States conserva i documenti generati dalle molte agenzie ufficiali del governo degli Stati Uniti. La The Still Picture unità della Special Media Archives Services Division che si trova a College Park, Maryland, contiene milioni di fotografie, che vengono messe a disposizione dei ricercatori.

The National Archives è l'organizzazione di archiviazione per eccellenza, che aiuta a stabilire gli standard di archiviazione per l'intera professione. La Library of Congress, è un ente governativo indipendente, non è semplicemente una libreria gigantesca, ma è un'organizzazione ibrida che comprende le collezioni di documenti che vengono gestite secondo i principi d'archivio.

Le biblioteche adottano il formato Machine Readable Cataloguing (MARC) per i database di catalogazione è impiegato a livello internazionale per la catalogazione dei libri, ed è stato adattato per la descrizione dei materiali d'archivio, come raccolte fotografiche. I musei tendono ad evitare il formato MARC per il suo essere più adatto alle biblioteche.

L'essenza del museo e dei fondi archivistici è la loro enfasi su materiali originali e unici. Le librerie convenzionali raccolgono anche documenti prodotti in serie, piuttosto che pezzi unici o originali, anche se la maggior parte delle librerie contengono anche alcuni oggetti rari ed esistono alcune librerie specializzati in rarità.

I fotografi e gli archivi

Il lavoro della vita di un fotografo, che contiene una varietà di documenti, come i negativi originali, lucidi, stampe e documenti professionali e personali, è spesso considerato come un archivio. Alcune organizzazioni, in particolare il Center for Creative Photography (CCP) presso l'Università dell'Arizona, Tucson, acquisiscono attivamente gli archivi di fotografi selezionati, la maggior parte attraverso donazioni.

Ingresso del Center for Creative Photography

Harold Jones, fotografo, curatore, ed educatore è stato il direttore ed il fondatore del CCP (1975-1977). Il CCP possiede più archivi e singole opere di fotografi del Nord America del XX secolo rispetto a qualsiasi altro museo della nazione.

Tra i fotografi presenti nel CCP spiccano i nomi di: Ansel Adams, Richard Avedon, Lola Alvarez Bravo, Louise Dahl-Wolfe, Robert Heinecken, W. Eugene Smith ed Edward Weston.

Anche le università, biblioteche, società storiche a livello comunale, regionale e statale raccolgono gli archivi dei fotografi se rispondenti a determinati criteri. Per esempio gli archivi del fotografo documentarista David Plowden, che è stato studente a Yale, è ora nella collezione della Yale University.

Poiché l'archivio di un fotografo può richiedere un pesante investimento di spazio, budget e il coinvolgimento di personale specializzato, le organizzazioni storiche senza scopo di lucro devono essere altamente selettive e sono comprensibilmente prudenti quando si tratta di grandi acquisizioni.

I musei d'arte, normalmente si occupano dell'acquisizione e la gestione di singole opere d'arte, di solito non sono in grado di ospitare interi archivi dei fotografi. Alcuni musei realizzano collezioni intorno a un importante archivio, come ad esempio l'August Sander Archive a Colonia, il quale organizza esposizioni anche di altri fotografi.

Alla fine del XX secolo, tuttavia, gli archivi fotografici hanno costituito un problema incombente, molti fotografi o i loro eredi hanno donato migliaia di negativi, stampe e documenti, anche a titolo di regalo e le grandi aggregazioni hanno dovuto richiedere l'aiuto istituzionale.

Un soluzione è stata quella di creare fondazioni indipendenti (spesso agevolate da benefici fiscali) per ospitare l'archivio; un modello è la Foundation Henri Cartier-Bresson, inaugurato nel 2003. Un altro è il Lee Miller Archive in East Sussex, Inghilterra.

Un'altra strategia è quella di individuare un genere o un argomento specifico che può creare un ampio interesse da parte dei donatori, un esempio è il Women in Photography International Archive, che accumula i file biografici, libri e articoli su fotografe del passato e del presente.

Gli archivi sono sempre più visti come una fonte di profitto. Il venerabile Bettmann Archive, ha adottato il modello di un archivio stock photo commerciale, è stato acquisito alla fine del secolo da Corbis, società fondata da Bill Gates per acquisire immagini per la digitalizzazione e la distribuzione via Internet. Hulton Archive, Londra, è un altro grande archivio fotografico internazionale. Vanta nel suo inventario più di un milione di foto di moda, di celebrità, still-life e fotografie di viaggio. Anche agenzie fotografiche tradizionali come Black Star o Magnum Photos svolgono la funzione di archivi.

Come fare la correzione selettiva del colore in una foto col metodo LAB - Tutorial Photoshop


Per vedere tutti i tutorial per photoshop andate a questo link: Tutorial per Photoshop tecniche avanzate di Fotoritocco Professionale

Questo post è la quarta lezione del corso sul metodo colore LAB, per andare al terzo articolo bisogna cliccare sul seguente link: Come regolare contrasto e colori col metodo colore LAB in Photoshop.

Nel video in basso l'utente youtube "Emanuele Brilli Photoshop and Photography" ci spiega come effettuare la tecnica del colore selettivo col metodo colore LAB.


8 gennaio 2017

Scrivi articoli di fotografia e fatti conoscere


Il blog fotografico e l'app Scuola di Fotografia cercano appassionati di fotografia che vogliano condividere le proprie conoscenze tramite la pubblicazione di articoli, i quali possono spaziare su diversi argomenti come la tecnica, l'attrezzatura e la cultura fotografica.

METTI IN LUCE IL TUO LAVORO

Gli articoli saranno pubblicati a nome dell'autore che potrà decidere di linkare il proprio portfolio e social network per farsi conoscere da una vasta community fotografica.

Un po' di numeri...

Il sito web è punto di riferimento di fotografi professionisti ed amatori, ed è uno dei più letti in Italia, la sua fanpage facebook ha più di 90.000 iscritti e l'app Scuola di Fotografia nonostante sia stata appena lanciata ha superato i 10.000 download e conta su una numerosa community (il gruppo facebook dell'app ha superato i 5000 partecipanti).

COME PUBBLICARE

Chiunque voglia pubblicare un articolo su questo blog e sull'app può contattarmi su facebook tramite il mio profilo personale facebook.com/MarcoCrupi o inviare direttamente l'articolo alla mia casella di posta elettronica: marcocrupi@hotmail.it.

I testi verranno valutati dallo staff dell'app e i più meritevoli ed interessanti verranno pubblicati.

È possibile instaurare una collaborazione duratura con il blog e la relativa app.

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI:


5 gennaio 2017

Panasonic Lumix GH5 la prima mirrorless con la funzione 6K PHOTO, foto a 18MP dai video


Panasonic Lumix GH5 offre prestazioni di altissimo livello agli appassionati di fotografia e ai videomaker che desiderano catturare immagini in 4K a 60p/50p ed in modalità 6K PHOTO.

La fotocamera LUMIX GH5 è dotata del nuovo sensore Digital LIVE MOS, la risoluzione passa da 16.05 a 20.3 MP: il 25% in più rispetto alla LUMIX GH4, eliminando anche il Low Pass Filter.
Questa fotocamera è inoltre dotata di un nuovo processore di immagini Venus Engine, che migliora in particolare la Natural Texture Expression. Il generatore di luminanza multi-pixel del motore produce immagini chiare e nitide, basandosi - durante il processo di demosaicizzazione - su un'area di informazioni pixel 9 volte più grande. Con l'elaborazione intelligente dei dettagli, le caratteristiche di ciascun pixel vengono analizzate per stabilire se si trova in un punto neutro o periferico dell'immagine oppure se fa parte di un dettaglio. Dopodiché, il pixel viene elaborato in base alle sue caratteristiche. Il risultato è un’immagine di altissima precisione, naturale, straordinariamente dettagliata e senza colori falsati ai bordi.

Il controllo cromatico tridimensionale rileva non solo il tono e la saturazione, ma anche la luminosità, applicando un controllo ottimale in base al valore di ciascun fattore. In tal modo, i colori dell'immagine risultano intensi, sia nelle parti scure che in quelle luminose.

Il convenzionale processo di riduzione del rumore Multi Process NR è stato potenziato e trasformato in High Precision Multi Process NR, quattro volte più preciso nell'individuazione del rumore rispetto al modello precedente e in grado di conservare i dettagli anche al termine dell'operazione. Ciò consente di scattare foto con sensibilità ISO fino a 25600.


La nuova LUMIX GH5 incorpora lo stabilizzatore d'immagine Dual I.S. 2 a 5 assi, che elimina efficacemente il mosso nelle foto e nei video (anche in 4K). Coniugando uno stabilizzatore ottico O.I.S. a due assi ed uno stabilizzatore integrato nel corpo macchina B.I.S. a cinque assi, la fotocamera compensa i movimenti più ampi, solitamente non controllabili. Il sensore giroscopico ad alta precisione della fotocamera LUMIX GH5 controlla la compensazione O.I.S. e B.I.S., esaminando la lunghezza focale e le condizioni di scatto e consentendo l'utilizzo di una velocità di otturazione più bassa (fino a 5 stop). Tutto ciò contribuisce a migliorare notevolmente non solo gli scatti effettuati con grandangolo e teleobiettivo, ma anche quelli ottenuti in condizioni non ottimali (ad esempio di notte oppure impugnando la macchina con una mano sola).

Grazie al nuovo sensore Digital Live MOS, la velocità di lettura del segnale è stata aumentata fino a 1,7 volte, mentre il nuovo Venus Engine elabora i segnali a una velocità fino a 1,3 volte più elevata. Questa sinergia genera, per la prima volta in una fotocamera DSLM, una registrazione video fluida ad alta definizione in 4K a 60p/50p. Con GH5 è inoltre possibile realizzare una registrazione video interna con campionamento 4:2:2 a 10 bit, come quello utilizzato comunemente nella produzione cinematografica, per una riproduzione dei colori ancora più fedele.

Il sensore MOS ad alta sensibilità e il Venus Engine eliminano efficacemente la distorsione da rolling shutter, realizzando una lettura ad alta velocità di segnali digitali completi. Ciò assicura una qualità delle immagini eccezionalmente elevata per ciascun frame. Inoltre, la lunghezza focale della registrazione video rimane uguale a quella dello scatto fotografico (nessun cropping).

Gli utenti sono liberi di scegliere tra i formati MOV, MP4, AVCHD Progressive e AVCHD e tra vari frame rate, senza limitazioni dei tempi di registrazione, né per i video in FHD né per quelli in 4K. Gli utenti professionisti, operativi a livello globale, possono impostare la frequenza di sistema su 59,94 Hz (59,94 Hz), 50,00 Hz o 24,00 Hz.

Mentre le opzioni "Cinelike D" e "Cinelike V", che presentano caratteristiche simili per la produzione di filmati, sono disponibili in Photo Style per la registrazione video, la fotocamera LUMIX GH5 offre anche l'opzione "Like 709" per assicurare la compatibilità con la HDTV. È inoltre disponibile un upgrade software a pagamento per supportare la registrazione video V-LogL.

Per soddisfare esigenze specifiche di utenti professionali, la fotocamera LUMIX GH5 è dotata di Waveform Monitor e Vector Scope. Utilizza inoltre il codice orario a norma SMPTE con i metodi di conteggio Rec Run o Free Run, agevolando la sincronizzazione di più riprese video o sorgenti audio nel flusso di lavoro post produzione. È possibile selezionare i livelli di luminanza tra 64-1023, 64-940 e 0-1023 (10 bit). La modalità Synchro Scan consente di eliminare lo sfarfallio e sono inoltre disponibili le barre cromatiche (standard SMPTE, EBU e ARIB).

La fotocamera LUMIX GH5 utilizza un sistema AF a contrasto con rinnovata tecnologia DFD (Depth from Defocus) che non solo calcola la distanza dal soggetto valutando due immagini con diversi livelli di nitidezza, ma analizza anche la forma, le dimensioni e persino il movimento del soggetto nel loro complesso. Grazie al nuovo Venus Engine, la misurazione della distanza dal soggetto è 6 volte più rapida, mentre la velocità della fattorizzazione planare o di profondità della distanza è stata raddoppiata.

La velocità del sistema di azionamento del sensore durante la messa a fuoco automatica è stata aumentata a 480 fps, il doppio rispetto a quella del modello GH4. Pertanto, LUMIX GH5 offre una messa a fuoco automatica ultrarapida di circa 0,05 sec.5 e una ripresa continua a 12 fps (AFS) e 9 fps (AFC), con un otturatore meccanico a risoluzione completa. Un'attenta analisi dei singoli frame evidenzia una precisione di rilevazione fino al 200% più elevata, con minimo errore di rilevazione dei movimenti, assicurando una migliore tolleranza di tracciamento con soggetti in movimento.

Le aree di messa a fuoco sono state portate da 49 a 225. A seconda della composizione, gli utenti possono creare un gruppo di aree da mettere a fuoco e controllarle con facilità attraverso un nuovo joystick posto in prossimità del pollice, senza allontanare lo sguardo dal soggetto. Questo è possibile anche quando si utilizza il mirino LVF (Live View Finder) o si toglie il dito dal pulsante dell'otturatore.

La funzione Post Focus permette di selezionare il punto di messa a fuoco anche dopo aver scattato. La funzione è particolarmente utile nelle situazioni che richiedono una messa a fuoco molto specifica, come gli scatti macro.

La fotocamera è anche dotata di funzione Focus Stacking, in grado di facilitare gli scatti macro, dove la messa a fuoco può essere più difficoltosa: si possono ottenere più immagini dello stesso frame, con diversi punti di messa a fuoco, per poi combinarli in un'unica immagine applicando la sfocatura desiderata.

La nuova funzione 6K PHOTO della LUMIX GH5 consente di immortalare attimi fuggenti a 30 fps, estraendo il frame migliore dal file burst in 6K (con aspetto 3:2 o 4:3) e salvandolo come fotografia in alta risoluzione da circa 18 MP. Anche la funzione 4K PHOTO è stata potenziata e consente un'acquisizione ad alta velocità di 60 fps con risoluzione di circa 8 megapixel. Nella funzione 6K/4K PHOTO, è possibile scegliere fra tre diverse modalità in base alla situazione: 6K/4K Burst, 6K/4K Burst (Start/Stop) e 6K/4K Pre-burst.

Nel seguente video una panoramica del prodotto e la spiegazione in dettaglio di come funziona la modalità 6K PHOTO.



Compensando le informazioni di segnale tra i frame, Venus Engine consente la rifinitura post-registrazione delle immagini per correggere la distorsione e ridurre il rumore durante la riproduzione o l'estrapolazione delle immagini dal file burst 6K/4K. Si ottiene quindi un netto miglioramento della qualità delle immagini riprese con funzione 6K/4K PHOTO a velocità di otturazione elevata e ad alta sensibilità così come delle immagini riprese in panning.


Per affrontare le più intense sollecitazioni sul campo, il telaio anteriore/posteriore della fotocamera LUMIX GH5 è in lega di magnesio pressofuso. La robustezza e la tenuta di ciascun giunto, selettore e pulsante, rendono la fotocamera resistente non solo alla polvere e all'acqua, ma anche alle temperature più rigide, fino a -10 °C.


LUMIX GH5 dispone di doppio slot per scheda SD, compatibile con UHS-II ad alta velocità e alta capacità, dotazione presente per la prima volta nelle fotocamere digitali LUMIX. Gli utenti possono scegliere il metodo di registrazione che preferiscono: Relay Rec, Backup Rec o Allocation Rec.

Questa nuova fotocamera dispone di un mirino LVF (Live View Finder) di grandi dimensioni, con un rapporto di ingrandimento eccezionale pari a circa 1,52/0,76 (35 mm equiv). Il display OLED ad alta precisione e alta velocità presenta un'elevata risoluzione (3.680.000 punti) e campo visivo del 100%. Con un sistema di controllo touch di tipo statico, il monitor posteriore Free-Angle da 3,2 pollici con aspetto 3:2 ed elevata risoluzione (1.620.000 punti) fornisce un campo visivo pari a circa il 100%.

L'otturatore ha una durata di circa 200.000 scatti.

LUMIX GH5 sarà commercializzata nel mercato Italiano nelle versioni GH5 (solo corpo), GH5L (corpo macchina + nuovo H-ES12060) e GH5M (corpo macchina + H-FS12060) a partire dal mese di Aprile.

Nel video in basso le mie prime impressioni sulla GH5, che ho avuto il piacere di provare in anteprima in Giappone.